6.12.16

«Ospedale San Luca, va tutelata Occhiobello»

fonte: Il Gazzettino di martedì 6 dicembre 2016

«Ospedale San Luca, va tutelata Occhiobello»

La richiesta in commissione Salute: «Garantire la presenza del medico di base»


Il comune di Occhiobello ha discusso in commissione "Salute" di quanto è stato proposto dalla direzione dell'Ulss 18 nell'ultima riunione della conferenza dei sindaci.
Una buona notizia: è il primo comune che affronta le prospettive delineate lo scorso 22 novembre.
In commissione, giustamente preoccupati per i tagli proposti dal piano sociosanitario regionale e dall'Ulss ai posti letto di lungodegenza, chiedono «un interessamento affinché a Occhiobello possa essere garantita la presenza del medico di base, soprattutto per i nostri anziani che hanno difficoltà a spostarsi»

Leggi l'articolo completo

1.12.16

Ospedale di Trecenta. Il Comitato altopolesano scrive ai sindaci dell'Ulss 18

Una proposta di collaborazione

Abbiamo ascoltato con attenzione la proposta di rilancio presentata dalla direzione generale dell’ulss 18 e giovedì 24 abbiamo ricevuto Copia del piano, inviatoci dal Presidente della Conferenza dei Sindaci Antonio Bombonato.
Ora, incoraggiati da quanto più volte sottolineato, che cioè il documento è un'ipotesi che ritornerà in Conferenza per una discussione fra gli amministratori, vogliamo condividere le nostre riflessioni con chi ha la responsabilità della difesa della salute dei cittadini altopolesani.
Conosciamo tutti le difficoltà del San Luca, vediamo spesso sale d’attesa deserte senza conoscerne bene le motivazioni, sentiamo continuamente parlare di liste d’attesa lunghissime o di ottimi servizi limitati a qualche giorno al mese. E sappiamo  che le schede ospedaliere non danno risposte adeguate alla realtà ed ai bisogni degli altopolesani. Come sappiamo che il personale medico, infermieristico e ausiliario è insufficiente.
Ora si propone per il San Luca un’ulteriore amputazione.
Alleghiamo proposta.
Cordiali saluti.
 p. Il Comitato – la portavoce Jenny Azzolini
----inizio documento
Comitato altopolesano dei cittadini per il “San Luca”
presso Jenny Azzolini, Via Matteotti 82 – 45027 Trecenta (Ro) - Tel. 0425701126 – Cell. 3473490340

Data, 29-11-16

Ai Sindaci Ulss 18

Carissimi Primi Cittadini,

Avrete senz’altro ricevuto, come noi, la proposta di “rilancio” del San Luca, presentata dalla Direzione Generale dell’Ulss 18: solo un’ipotesi, per fortuna. Perché crediamo che, dopo averla esaminata, converrete con noi che tale proposta si presta a qualche necessaria riflessione.
Noi apprezziamo senz’altro l’intenzione di incrementare la PMA, di ristabilire 3 posti letto per chemioterapia più ambulatorio oncologico, di rafforzare la chirurgia programmata, di dotare l’ospedale almeno di una Tac multistrato (aspettiamo ancora una risonanza il cui acquisto era stato deciso già nel 2002).
Ci preoccupa invece il persistere di carenze e disagi (numero insufficiente di personale, riduzione di ottimi servizi, problema delle liste d’attesa).
E ci preoccupa il “nuovo” problema dei posti letto: è sconvolgente l’idea di ridurre gli attuali posti letto di medicina e lungodegenza per attivare posti letto di comunità!
Anche perché ci sono quasi quotidianamente problemi di ricovero che colpiscono di conseguenza il Pronto Soccorso e l’uso dei letti di Astanteria e creano problemi anche per la Terapia Semi-Intensiva.
Ora chiediamo a voi sindaci un’assunzione di impegno per fronteggiare, insieme a noi, e a tutti coloro che sono animati da viva passione civile, l’ormai endemica emergenza ospedaliera altopolesana.
L’assessore Coletto ha dichiarato apertamente la propria disponibilità ad accettare proposte avanzate dalla conferenza dei Sindaci. Prendiamolo in parola e formuliamo una proposta alternativa, che preservi i posti letto di medicina e di lungodegenza. Già ora sono letti sfruttati al massimo e non è ancora arrivato il picco delle influenze. Sono incomprimibili, irriducibili.
L'ospedale di comunità deve essere necessariamente costituito da posti letto aggiuntivi, in un nuovo petalo del San Luca, con proprio specifico personale, senza togliere risorse umane e materiali alle attività ordinarie dell'ospedale.
Il Comitato altopolesano si dichiara disponibile nei confronti di ciascun Comune della nostra Ulss per illustrare la situazione effettiva dell'ospedale, le notizie raccolte, i motivi per cui occorre salvare tutti i posti letto esistenti per mantenere una sufficiente funzionalità del “San Luca”.
Cordiali saluti.
Per il Comitato
Prof. Jenny Azzolini
----fine documento
Scarica la proposta in formato pdf

28.11.16

Guglielmo Brusco: "Al San Luca vogliono tagliare addirittura 62 posti letto"

Da RovigoOggi.it, 28 novembre 2016

OSPEDALE TRECENTA (ROVIGO)  A lanciare l'allarme è Guglielmo Brusco, esponente di Rifondazione Comunista. "E magari intanto pensano di darne qualcuno in più alle cliniche private"...


Una analisi puntuale, che copre un arco di tempo di poco meno di 15 anni, quella con la quale Guglielmo Brusco, ex vicepresidente della Provincia di Rovigo ed esponente di Rifondazione Comunista, fa il punto sul graduale indebolimento dell'ospedale San Luca di Trecenta.

Leggi l'articolo completo

27.11.16

San Luca, la tribolazione dei posti letto

Posti letto al San Luca. Confronto fra la situazione attuale e la programmazione regionale (Pssr, DGRV 2122/2013)

Una proposta molto attesa quella presentata dalla dirigenza dell'Ulss 18 lo scorso martedì 22 novembre alla conferenza dei sindaci. L'ospedale di Trecenta appare infatti in difficoltà, privato progressivamente di servizi nel corso degli anni, in carenza di personale, senza un ruolo ben definito nella sanità polesana. E, inoltre, con l'incubo dell'applicazione delle schede ospedaliere.

Martedì ero tra il pubblico che assisteva alla riunione assieme ad alcuni amici del Comitato altopolesano dei cittadini per il "San Luca", curioso di sapere se c'era una via d'uscita al declino che stavamo osservando.

Una prima sorpresa è stata scoprire che oggi, prima dell'applicazione delle schede ospedaliere, l'ospedale di Trecenta ha meno posti letto di quelli previsti dal piano sociosanitario regionale, Nove in meno, come si può vedere dalla terza pagina della presentazione.

Fermiamoci un attimo perché mi sembra importante. Durante un convegno promosso dalla Cgil e tenutosi a Rovigo l'11 gennaio 2014, l'allora direttore generale dell'Ulss 18, Arturo Orsini, ha dichiarato che i posti letto del "San Luca", attivi alla data del 30 giugno 2013, erano 180. Quando e chi ha fatto sparire dall'ospedale i 16 posti letto che mancano per arrivare agli attuali 164? Riporto qui sotto la pagina mostrata in quell'occasione.

Definire i posti dell'ospedale di Trecenta è sempre stata una tribolazione. Se fate una ricerca su questo blog digitando "posti letto" (senza le virgolette) nel box bianco in alto a sinistra troverete che avrebbero dovuto essere 222, ma che che invece sono stati 208, poi 180 (Orsini), 143+30 nel Pssr. E ora salta fuori il 164. Tombola!


Conclusione. La prima cosa che la conferenza dei sindaci dovrebbe fare, prima di esprimere un giudizio sulla proposta attuale, è verificare direttamente - niente carte, certificati, attestati, dichiarazioni, presentazioni ecc. - costituire (velocemente) una delegazione e andare all'ospedale a contare uno a uno i posti letto attrezzati effettivamente attivi nell'ospedale.


Ma sui posti letto del San Luca c'è molto altro da dire. Alla prossima.

24.11.16

Ospedale di Trecenta. Il piano della direzione generale



Il direttore generale e il direttore sanitario dell'Ulss 18 hanno presentato un programma per il "San Luca" alla conferenza dei sindaci dello scorso martedì.

Una proposta complessa che ora i comuni dovranno valutare con attenzione formulando anche ulteriori proposte e integrazioni.

Il dibattito è aperto (vedi sotto la rassegna stampa) e c'è da sperare che sia approfondito. Entro la prima decade di dicembre si riunirà nuovamente la conferenza dei sindaci per esprimere ufficialmente il proprio orientamento.

Scarica il piano della direzione Ulss 18

Consulta la Rassegna stampa (i nuovi articoli saranno aggiunti in coda):
Gazzettino 23 novembre 2016
Resto del Carlino 23 novembre 2016
La Voce 23 novembre 2016
RovigoOggi.it 23 novembre 2016, Corazzari
RovigoOggi.it 23 novembre 2016, Punto nascite
Resto del Carlino 24 novembre 2016, Brusco
RovigoOggi.it, 26 novembre 2016, Bartelle
Il Gazzettino, 27 novembre 2016, Bartelle
RovigoOggi.it, 28 novembre 2016, Brusco
Il Gazzettino di martedì 6 dicembre 2016

21.11.16

CHE FINE HA FATTO LA CICOGNA? Incontro pubblico con la PMA dell'ospedale di Trecenta


Centro di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) dell'ospedale "San Luca" di Trecenta

CHE FINE HA FATTO LA CICOGNA?
Fertilità: un bene prezioso per la donna e per la società
Come prendersene cura e aiutarla

Incontro con il Centro PMA

GIOVEDI' 24 NOVEMBRE 2016, ore 21.00

Sala "Paiolo"del Comune di Trecenta